Docs Italia beta

Downloads
pdf
htmlzip
epub

1.1. Finalità e struttura del documento

Le presenti linee guida sono adottate in attuazione dagli articoli 68 e 69 del Codice dell’Amministrazione Digitale (di seguito CAD):

  • come disposto dall’articolo 68, comma 1 ter, individuano nel capitolo 2 Linee Guida sull’acquisizione di software le modalità e i criteri con i quali un’amministrazione deve effettuare la valutazione comparativa descritta nel citato articolo per decidere la modalità di acquisizione di un software.
  • come statuito dall’articolo 69, comma 2bis, individuano nel capitolo 3 Linee Guida sul riuso del software (art. 69) la piattaforma per la pubblicazione di codice sorgente sotto licenza aperta e documentazione del software messo a riuso dalle amministrazioni, indicando anche le modalità tecniche di utilizzo.

Inoltre sostituiscono la precedente circolare 63/2013, intitolata «Linee guida per la valutazione comparativa prevista dall’art. 68 del D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell’Amministrazione digitale» e relativi allegati.

Questo documento e la metodologia in esso descritta sono da intendersi come ausilio a un percorso decisionale che rimane sotto la piena responsabilità delle amministrazioni, sia nel momento in cui condividano le soluzioni sia quando le adottino in riuso nel rispetto della normativa vigente, in particolare in materia di pubblica amministrazione digitale, contratti pubblici e protezione dei dati personali. Con riferimento a quest’ultimo settore del diritto, il Regolamento UE 2016/679 ha definito/precisato principi e criteri particolarmente rilevanti rispetto all’oggetto delle presenti linee guida. Tra detti principi e criteri, si evidenzia l’esigenza di considerare la protezione dei dati fin dalla progettazione e per impostazione predefinita (art. 25 Regolamento citato). Non andrà trascurato, altresì, il complesso delle regole tecniche di AgID che possono avere incidenza sulla materia, quali le Misure Minime di Sicurezza (circolare 2/2017) e le Linee guida per lo sviluppo del *software* sicuro.

Il presente documento si pone come punto di avvio di un processo culturale che veda le PP.AA. protagoniste di un sempre maggiore ricorso al software aperto, come si ricava dalla lettura del primo comma dell’art. 69, che impone alle pubbliche amministrazioni «che siano titolari di soluzioni e programmi informatici realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico» di «rendere disponibile il relativo codice sorgente, completo della documentazione e rilasciato in repertorio pubblico sotto licenza aperta…»

Da tale norma si è preso, pertanto, l’avvio per la predisposizione delle presenti Linee guida, avendo individuato nella norma appena richiamata il forte impulso del legislatore all’utilizzo sempre maggiore del software di tipo aperto da parte delle pubbliche amministrazioni. Ne sono prova la contestuale eliminazione della previsione del c.d. «catalogo del riuso», senza che ciò impedisca, eventualmente, alle PPAA di sottoscrivere accordi (ad es., in base all’art. 15 della Legge 241/90), per il riutilizzo di soluzioni che non siano conformi al dettato dell’art. 69 co. 1 e che non possano rientrare nelle fattispecie qui trattate, che, si ribadisce, devono essere quelle sottoposte a licenza aperta.

In ogni caso, il legislatore, adottando tale ottica di forte propensione all’open source per le PPAA, ha ragionevolmente previsto una esclusione generale per le sole «motivate ragioni di ordine e sicurezza pubblica, difesa nazionale e consultazioni elettorali» - all’art. 69 co. 1 ultimo inciso - , al fine di salvaguardare quei settori più delicati del governo digitale del Paese, che dalla condivisione e gestione comunitaria del SW di tipo aperto potrebbero sentirsi esposti a qualche rischio.

L’approccio sopra descritto, di favore per l’open source, si desume con chiara evidenza anche dal dettato del comma 2 dell’art. 69, che impone alle amministrazioni pubbliche «nei capitolati o nelle specifiche di progetto» di essere «sempre titolar[i] di tutti i diritti sui programmi e i servizi delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, appositamente sviluppati per ess[e]».

Anche in questo caso è prevista una salvaguardia, per le sole ipotesi in cui «ciò risulti eccessivamente oneroso per comprovate ragioni di carattere tecnico-economico».

Di conseguenza, l’art. 68 viene letto e vi viene data attuazione nel presente documento, in piena coerenza con la predetta lettura dell’art. 69.

L’amministrazione pubblica è il soggetto che meglio conosce le proprie esigenze ed è in grado di declinare la metodologia qui proposta, in coerenza sia con il proprio contesto, sia con le caratteristiche dell’acquisizione da effettuare.

In tal senso, le Linee guida si pongono non come mero strumento regolatorio, bensì come suggerimento per nuovi processi di accompagnamento, sensibilizzazione ed informazione.

torna all'inizio dei contenuti