Docs Italia beta

Downloads
pdf
htmlzip
epub

Allegato C: Guida alle licenze Open Source

Le licenze Open Source possono essere molteplici, con lievi differenze che possono presentare, al momento del riuso del software, incompatibilità importanti. Questa guida ha lo scopo di fornire al lettore una breve introduzione alle diverse licenze adottabili, e suggerire l’adozione di alcune licenze specifiche. Limitare il numero di licenze in uso nel parco software ha infatti il vantaggio di semplificare di molto l’integrazione, dunque permettendo un risparmio da parte della Pubblica Amministrazione.

Versionamento delle licenze

Ogni licenza riportata di seguito citata dispone di un numero di versione, che garantisce agli enti redattori la possibilità di aggiornarla. Ai fini di garantire una compatibilità e riutilizzabilità del codice in futuro, in particolare per le licenze copyleft, si consiglia rilasciare ogni software secondo l’ultima versione disponibile della licenza, esplicitando la compatibilità con qualunque modificazione successiva.

Public Domain

Una licenza di pubblico dominio è una licenza nella quale il detentore dei diritti rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale.

È la licenza consigliata per il rilascio di banche dati in Open Data, ove non ci si occupi di banche dati originali per scelta o disposizione di opere. Si ricorda che i diritti sui singoli elementi contenuti in una banca dati sono comunque coperti da una loro licenza individuale, che non è pregiudicata dal loro inserimento in una banca dati.

Questa licenza infatti offre ai riutilizzatori una flessibilità totale e riduce le complicazioni collegate all’operatività su varie e diverse licenze con il potenziale conflitto di disposizioni che comporta.

La più diffusa licenza in questo senso è la Creative Commons Zero (Codice SPDX: CC0-1.0).

Licenze non-copyleft

Le licenze non-copyleft sono licenze aperte che garantiscono molta libertà e flessibilità di riutilizzo da parte degli utenti.

Con queste licenze il detentore dei diritti richiede infatti solamente una frase che identifica la fonte del documento e, ove fattibile, un collegamento alle pertinenti informazioni sulla licenza, non ponendo limitazioni all’utilizzo o alla modifica dell’opera di ingegno.

Queste licenze vengono utilizzate per componenti software che implementano adattatori o componenti che nascono per essere integrati in applicativi di terze parti. Il focus principale di queste licenze è posto sul riutilizzo nel maggior numero di programmi possibili.

A differenza delle licenze copyleft, non esiste un obbligo di chi adatta questi componenti a rilasciare eventuali modifiche e miglioramenti, ma solo un riferimento per ottenere copia del codice sorgente originale.

Esempi di queste licenze sono la licenza BSD, la licenza MIT e la licenza Apache - codici SPDX: BSD-3-Clause, MIT e Apache-2.0.

Nota: l’utilizzo della licenza Apache è sconsigliato in quanto incompatibile con la licenza GNU GPL versione 2 (codice SPDX: GPL-2.0-or-later).

Licenze copyleft

Le licenze copyleft sono licenze che richiedono un’attribuzione all’autore originale ma che aggiungono le cosiddette clausole «virali». Il concetto di viralità impone a ogni successiva modifica di essere rilasciata sotto una licenza che non imponga ulteriori restrizioni all’utente.

Si utilizzano per preservare la libertà del software a ogni successiva modifica, imponendo il rilascio in riuso di ogni eventuale modifica migliorativa da parte di terze parti.

Si noti che è indispensabile fornire copia del codice sorgente solo all’atto della distribuzione o concessione in licenza del software, non al momento dello sviluppo.

Questo tipo di licenza è consigliato per tutti gli applicativi software completi.

La licenza più diffusa in questo senso è la GNU GPL (codice SPDX: GPL-3.0-or-later) o la GNU AGPL, sua modificazione che copre anche l’ambito di software distribuiti via rete (codice SPDX: AGPL-3.0-or-later).

Licenze copyleft - per le librerie

Ai fini di garantire flessibilità nel riutilizzo, ovvero permettere l’utilizzo di un componente software in un applicativo sotto qualunque licenza, la clausola di viralità può essere indebolita. Queste licenze vengono anche dette «a copyleft debole».

Questa clausola aggiuntiva mantiene intatta la viralità per quanto riguarda modifiche sul codice del componente, ma permette l’integrazione esterna da parte di un software distribuito sotto qualunque licenza.

Si noti che queste licenze contengono la cosiddetta «clausola di riproducibilità»: deve essere sempre possibile per l’utente di un software di terze parti sostituire il componente rilasciato sotto licenza LGPL con una sua versione modificata, senza modificare le funzionalità del software di terze parti. Questa clausola può essere problematica e non soddisfabile in alcuni ambienti embedded, ad esempio iOS.

La versione più utilizzata è la licenza GNU LGPL (codice SPDX: LGPL-3.0-or-later), versione modificata della licenza GNU GPL.

Licenze non comprese nella classificazione appena introdotta

  • La Mozilla Public License (codice SPDX: MPL-2.0) è una licenza copyleft, equiparabile alla licenza GNU GPL, che garantisce la libera distribuzione del codice ma impone di non poter riutilizzare, all’occorrenza di modifiche, loghi, nomi, o altri marchi registrati del detentore dei diritti, salvo ulteriore autorizzazione.
  • La European Union Public License (EUPL) è una licenza copyleft di tipo debole, sviluppata dalla Commissione europea, e tradotta ufficialmente in tutte le lingue dell’Unione. Questa licenza allega una tabella di compatibilità con alcune delle licenze aperte più comuni. Codice SPDX: EUPL-1.2 .

Le licenze Creative Commons

Esistono molte versioni delle licenze Creative Commons. Queste licenze, così come suggerito da Creative Commons stesso, non sono utilizzabili per proteggere software, ma solo altre opere di ingegno (ad esempio documentazione o testo).

Le uniche licenze Creative Commons che possono intendersi licenze aperte, secondo quanto descritto in 3.3, sono:

  • Creative Commons Zero - dominio pubblico (codice SPDX: CC0-1.0).
  • Creative Commons Attribution (versione 4 e successive) - una licenza non copyleft (codice SPDX: CC-BY-4.0)
  • Creative Commons Attribution-Share Alike (versione 4 e successive) - una licenza copyleft (codice SPDX: CC-BY-SA-4.0)

Licenza applicabile alla documentazione e allegati del software

Tutti gli allegati al puro codice sorgente del software quali commenti nel codice sorgente, documentazione, esempi, schermate dimostrative, video, ecc. si considerano inclusi sotto la stessa licenza del software stesso. In generale, non è quindi necessario determinare licenze diverse per questi contenuti, se rilasciate contestualmente al software e parte integrante di esso.

Nel caso di rilascio di documentazione a sé stante rispetto al software, o nel caso questa sia particolarmente corposa (oltre una decina di pagine stampate), si consiglia di attribuire comunque una licenza all’opera. Si rimanda a 4.4 per una guida nella scelta della licenza migliore.

Compatibilità tra le licenze

La compatibilità delle licenze dipende dalla cessione dei diritti intellettuali da parte dell’autore. Le licenze che in questo senso cedono meno diritti, al fine di preservare maggiormente nel tempo la libertà e riutilizzabilità del software creato, sono le licenze copyleft.

Quando si parla di compatibilità occorre distinguere due casi:

  • La creazione di una nuova opera a partire da componenti già esistenti, con licenza unica
  • L’assemblaggio e la distribuzione di più componenti interagenti, ognuna con licenza differente.

Per quanto riguarda il caso di creazione di una nuova opera sotto una licenza unica, la matrice di compatibilità è la seguente:

  • Opere rilasciate sotto dominio pubblico sono rilasciabili con qualunque altra licenza
  • Opere rilasciate sotto licenze non-copyleft sono rilasciabili con licenze copyleft
  • Opere rilasciate sotto licenze copyleft possono essere solo rilasciate con licenze copyleft, a condizione che le due licenze siano compatibili

Nel secondo caso invece:

  • Opere rilasciate sotto licenza di pubblico dominio, non-copyleft o copyleft debole possono interagire come componenti a sé stanti con qualunque altro applicativo, pur rispettando le eventuali clausole riguardo riferimenti al codice originali e la distribuzione di eventuali modifiche.
  • Opere rilasciate sotto licenza copyleft possono interagire come componenti a sé stanti solo con altri componenti rilasciati con licenza copyleft compatibile.
torna all'inizio dei contenuti