Docs Italia beta

Downloads
pdf
htmlzip
epub

2.4. Macro fase 1: Individuazione delle esigenze

Nella presente Macro fase, la pubblica amministrazione definisce le esigenze (bisogni e vincoli) che condizionano le scelte per l’individuazione di una soluzione; si suggerisce di redigere un documento (senza alcun vincolo di forma) descrittivo delle esigenze individuate da utilizzare nelle fasi che riguardano la comparazione e valutazione delle soluzioni.

image2-macro-fase-1

2.4.1. Fase 1.1: Analisi del fabbisogno

L’amministrazione definisce il proprio fabbisogno, per l’individuazione della soluzione software. Nel fare questo tiene conto di quanto definito nel Programma degli acquisti e nella Programmazione dei lavori pubblici (art. 21 del D. Lgs. n. 50 del 18/04/2016).

Le attività previste nella presente fase sono:

  • studio del contesto attraverso la descrizione delle caratteristiche dell’amministrazione: finalità, struttura ed organizzazione;
  • descrizione dei flussi operativi interessati dal software da acquisire, che la pubblica amministrazione mette in atto per dare seguito alle procedure amministrative;
  • ipotesi di ottimizzazione dei flussi in relazione al software da acquisire;
  • identificazione degli «strumenti» (definizione degli obiettivi) necessari alla realizzazione dei processi operativi individuati;
  • enunciazione dei requisiti, cioè dei bisogni a cui il software deve rispondere, prevedendo una differenziazione tra requisiti indispensabili e non.

La presente fase si conclude con la:

  • individuazione dei bisogni della pubblica amministrazione.

2.4.2. Fase 1.2: Individuazione dei vincoli

L’amministrazione descrive i vincoli che condizionano l’approvvigionamento della soluzione software.

Le attività previste in questa fase sono:

  • individuazione della disponibilità di bilancio (di seguito Tbilancio) per assicurare la disponibilità e la messa in produzione della soluzione da acquisire (eventuale bonifica dati e migrazione da sistemi preesistenti, installazione, personalizzazione, integrazione con sistemi esistenti, formazione, supporto all’avvio, attività gestionali, pagamento di eventuali eccedenze, ecc.);

  • stima dei tempi per la messa in esercizio (di seguito Ttempi) della soluzione che la Pubblica amministrazione può assorbire;

  • eventuali norme e linee guida che il software dovrà seguire nella propria implementazione tecnica, come per esempio:

  • eventuali altri vincoli di interesse dell’amministrazione.

La presente fase si conclude con la:

  • individuazione dei vincoli (economici e temporali) che condizionano le scelte dell’amministrazione.

2.4.3. Fase 1.3: Redazione del documento descrittivo delle esigenze

L’amministrazione redige il documento descrittivo delle esigenze da utilizzarsi nelle fasi successive della valutazione comparativa.

Le attività previste in questa fase sono:

  • redazione del documento descrittivo delle esigenze che contiene le evidenze delle precedenti fasi 1.1 e 1.2.

La presente fase si conclude con la:

  • disponibilità del documento descrittivo delle esigenze.
torna all'inizio dei contenuti